We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Il Sindaco Aiello scrive una lettera aperta ai cittadini per fare chiarezza sulle scelte amministrative


di ANTONIO IAPICHINO - Il sindaco di Crosia, Gerardo Aiello (nella foto), ha scritto una lettera aperta ai cittadini. Una missiva finalizzata a fare chiarezza sulle scelte di carattere amministrativo-finanziario operate in seno al Consiglio comunale. Il Primo cittadino ha evidenziato che già nel 2008 il Commissario straordinario <<aveva suggerito il dissesto per la grande difficoltà economica esistente a quell’epoca nel Comune di Crosia per via di una situazione debitoria elevata>>. Fra i vari debiti riporta: <<debiti fuori bilancio per 2 milioni e 300 mila euro, debiti con l’Enel, Sorical, Commissario per l’Ambiente, Cooperativa “Città pulita” ed altri creditori>>.  Il sindaco, poi, spiega che nel 2009 si è deciso di non dichiarare il dissesto,<<malgrado la difficile situazione e non pensando che la congiuntura economica internazionale avrebbe reso ancora più drammatica la condizione dei comuni in tutt’Italia>>. E ancora: <<La situazione si è aggravata per altre vicende impreviste>>. Il preside  Aiello, inoltre, ha fatto notare che successivamente <<la situazione difficile ci aveva fatto intravedere la necessità forzata di chiedere il dissesto per l’impossibilità di sanare la vecchia condizione debitoria, con l’aggravante che lo Stato cominciava a chiedere trasparenza nei bilanci e abbattimento obbligatorio di tutti i residui attivi ormai non più esigibili. Il nostro comune>>, continua, <<si è portato dietro residui attivi per oltre due milioni di euro per abitudini consolidate delle amministrazioni passate>>. Poi, <<lo Stato ha creato due opportunità di risanamento attraverso l’accesso a mutui presso la Cassa Depositi e prestiti e tramite il “Piano di rientro”, con un decreto fatto per tutti i comuni in difficoltà. Questa Amministrazione ha subito scelto di non andare verso il dissesto e ha optato per il risanamento dell’Ente accedendo sia alla Cassa Depositi e prestiti che al Piano di rientro”. E commenta: <<Crosia non si poteva permettere un nuovo commissariamento che avrebbe gestito il dissesto economico prelevando dai fondi comunali le somme per pagare tutti i creditori in cinque anni e senza contributi dello Stato. Cosa insensata e produttrice di ulteriori debiti>>.

di Redazione | 26/07/2013

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it