We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Vittoria (Ragusa) - Estate 2013, regolamentazione emissioni sonore e disposizioni in materia di sicurezza urbana


Il sindaco di Vittoria, Giuseppe Nicosia, ha emesso oggi un'ordinanza, la numero 33, per regolamentare, durante il periodo estivo, le emissioni sonore e dare disposizioni in materia di di sicurezza urbana. Questo il teso completo dell'ordinanza: Premesso che la materia del rilascio della licenza in materia di trattenimenti musicali e/o danzanti rientra nella competenza della Questura e che a tal fine, giusto decreto del 5 luglio 2012 – in riferimento al periodo che va dal 15 maggio al 31 ottobre – sono stati fissati gli orari di inizio e fine degli stessi in ordine alle seguenti fattispecie: Discoteche 22 – 4; Piano bar 20,30 – 1; Locali con annessi trattenimenti danzanti 20,30 – 2; considerato che, invece, spetta al sindaco procedere alla regolamentazione della materia delle emissioni sonore, nonché delle disposizioni in materia di sicurezza urbana, ai sensi dell’articolo 54 del Dlgs 267/2000; vista la legge quadro sull’inquinamento acustico n. 447 del 26 Ottobre 1995; visto il Dpcm 1 Marzo 1991 relativo ai “Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell’ambiente esterno”; visto il Dpcm 14 Novembre 1997 “Determinazione dei valori minimi delle sorgenti sonore”; visto il Dpcm 16 Aprile 1999 “Regolamento recante norme per la determinazione dei requisiti acustici delle sorgenti sonore nei luoghi di intrattenimento danzante e di pubblico spettacolo e nei pubblici esercizi”; considerata la necessità di provvedere alla tutela della salute pubblica anche sotto il profilo dell’inquinamento acustico degli ambienti di vita interni ed esterni; tenuto conto della vocazione turistica del territorio comunale e della necessità di rendere compatibili le esigenze di natura abitativa e di soggiorno con quella delle attività economiche e lavorative; constatato che i locali di intrattenimento e svago, bar, pub, ristoranti, pizzerie, chioschi, palestre, circoli privati ed associazioni, locali da ballo, discoteche, sale giochi, spettacoli viaggianti, attività produttive, sportive e ricreative, commerciali etc, insistono su suolo privato, su suolo demaniale marittimo e su suolo pubblico e si trovano inseriti nel tessuto residenziale urbano; considerato che le sopra citate iniziative economiche non costituiscono solo occasioni di svago, ma anche di crescita sociale della collettività e fonte di reddito e di occupazione per molti addetti del settore, ponendo tuttavia il problema della conciliabilità di tali attività con il riposo e la tutela della salute delle persone; visto l’art. 9 della legge 447/95 che dà facoltà al sindaco di emanare provvedimenti di natura contingibile ed urgente in materia di contenimento dell’inquinamento acustico, ai fini della salute pubblica e dell’ambiente; ritenuto necessario, nelle more dell’adozione di un regolamento comunale per tutela dell’inquinamento acustico, ai sensi dell’art. 6 della Legge 447/95, disciplinare provvisoriamente le modalità di autorizzazione delle emissioni sonore, fissando i limiti di cui sotto ed imponendo il corretto utilizzo degli impianti nel rispetto dei limiti di legge;accertata la propria competenza; letto il Dlgs 267/2000; ordina che, a decorrere dal 6 giugno 2013 e sino al 30 settembre 2013, le emissioni sonore nei pubblici esercizi, nei luoghi pubblici e nei locali di intrattenimento, svago e assimilati (stabilimenti balneari) con utilizzo di impianti elettroacustici di amplificazione e di diffusione sonora, possono essere effettuati, fermo restando il possesso delle autorizzazioni di legge, nel rispetto delle seguenti fattispecie, disposizioni comuni: le emissioni sonore e le immissioni all’esterno e/o all’interno degli ambienti abitativi devono avvenire nel rispetto dei limiti previsti dalla vigente normativa, anche con l’adozione e istallazione di “Limitatori di pressione sonora omologati. I titolari e/o i gestori degli esercizi pubblici ove vengono installati degli impianti elettroacustici di amplificazione e diffusione sonora devono munirsi della seguente documentazione redatta da “Tecnico competente in acustica ambientale”: documento di previsione di impatto acustico ambientale, relativa all’utilizzo degli impianti elettroacustici di amplificazione e diffusione sonora, ai sensi dell’art. 8 della L.447/95, comprovante il rispetto dei valori limiti per le immissioni sonore anche con l’istallazione di “Limitatori di pressione sonora omologati” che garantiscano il corretto utilizzo degli impianti e agevolino i controlli necessari; documento di verifica dei requisiti degli impianti elettroacustici di amplificazione e diffusione sonora ai sensi del Dpcm 215/99, comprovante il rispetto dei valori limiti previsti all’interno degli spazi utilizzati per l’attività. Le fonti di diffusione e propagazione installate sul demanio marittimo devono essere posizionate in modo ottimale tale da ottenere il massimo abbattimento delle emissioni sonore e, comunque, in ogni caso devono essere rivolte verso il mare. È vietata la collocazione e/o l’utilizzo di strumenti musicali, di impianti di diffusione sonora e/o di casse acustiche e d'ogni altro strumento di riproduzione o di diffusione sonora fuori dai locali dell’esercizio stesso, fatta eccezione per le attività occasionali. Per lo svolgimento di attività e manifestazioni a carattere occasionale, che comportino l’impiego di strumenti musicali, di impianti elettroacustici di amplificazione e diffusione sonora, il richiedente deve presentare istanza al sindaco – Ufficio Suap - almeno 20 giorni prima dell’evento, riguardante l’autorizzazione in deroga al rispetto dei valori limiti cosi come previsto dall’art. 6 - C.1 – lett. H della L. 447/95. Resta inteso che il Comune dovrà verificare il possesso di tutti i requisiti di legge.In caso di violazione del divieto saranno applicate  le sanzioni amministrative previste nella presente ordinanza. Esercizi dotati di limitatore di pressione e di tutte le misure certificate di contenimento delle emissioni sonore: i limitatori di pressione devono essere omologati e debitamente sigillati – da comprovare con relazione di un tecnico competente in acustica con cui si asseveri che l’installazione dei limitatori di pressione o, in mancanza, le impostazioni e/o tarature effettuati negli impianti sonori non permettono all’impianto elettroacustico di emettere o di immettere suoni e rumori oltre i limiti stabiliti dalla normativa vigente. Le emissioni sonore dovranno rispettare i seguenti orari: domenica, lunedì, martedì, mercoledì e giovedì dalle 10 alle 13 e dalle 18 alle 2; venerdì, sabato e nelle notti del 10, 14 e 15 agosto dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 18 alle ore 3. Esercizi non dotati di limitatore di pressione sonora: le emissioni sonore dovranno rispettare i seguenti orari: dalle 10 alle 13 e dalle 18 alle 1. Attività di cantiere: i rumori provenienti dalle attività di cantiere possono essere prodotti  nei giorni feriali dalle 8 alle 13,30 e dalle 16 alle 20; eventuali deroghe a dette fasce orarie potranno essere autorizzati dal sindaco, dietro apposita presentazione di istanza motivata e documentata. In tutti i casi i rumori prodotti dalle attività di cui sopra nelle ore in cui gli stessi sono consentiti, devono essere contenuti entro i limiti fissati dalla normativa vigente. Divieto somministrazione bevande in vetro. Per motivi di tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica, su tutto il territorio comunale, dalle 22.30 di ciascun giorno fino alle 8 del giorno successivo, è vietata: la vendita per asporto di bevande in bottiglie e bicchieri di vetro da parte delle attività di somministrazione di alimenti e bevande, autorizzate anche in forma temporanea, delle attività artigianali autorizzate alla vendita di bevande, delle attività di commercio di prodotti alimentari ed in genere da tutte le forme di commercio che consentono la vendita di bevande in vetro (quali bar, ristoranti, esercizi titolari di licenze di Ps, titolari di autorizzazioni di vendita al minuto di generi alimentari, ecc); la consumazione e/o l’abbandono in luogo pubblico di bevande di qualsiasi genere contenute in bottiglie di vetro o comunque in contenitori realizzati con il medesimo materiale. È obbligo del titolare di pubblici esercizi: somministrare e/o consumare le bevande in vetro solo all'interno del locale; esporre in modo visibile al pubblico. mediante idonea cartellonistica, il presente divieto. Resta ferma, per le attività autorizzate, la facoltà di vendere per asporto le bevande in contenitori di plastica e in lattina. Sanzioni: salvo che il fatto non costituisca reato (articoli 659 e 660 Cp) nei confronti dei trasgressori di cui alla presente ordinanza, si applicheranno le sanzioni previste dall’art. 10 commi 1 e 2 della legge 26 ottobre 95, n. 447 nel modo seguente: chiunque non osserva gli orari e le prescrizioni della presente ordinanza, emessa ai sensi dell’art. 9 della l. 447 del 25.10.95, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 1.032 a euro 10.329; chiunque, nell’esercizio o nell’impiego di una sorgente fissa o mobile di emissioni sonore, supera i limiti di rumorosità, di cui all’art. 4 e all’art. 8 (norme transitorie), comma 1 del Dpcm 14.11.97 e dal Dpcm 16.04.99, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 516 a euro 5.164; alla seconda infrazione il sindaco adotterà, secondo principi di proporzionalità e adeguatezza, tutte le misure inibitorie parziali o totali necessarie a contenere o abbattere le emissioni inquinanti, e comunque la temporanea chiusura dell’esercizio; saranno punite con la sanzione amministrativa d'importo comprese tra euro 25 e 500 così come stabilito dall'art 7 bis del Tuel, come modificato dalla l. 3/2000, le  fattispecie previste nel presente atto al punto E, per l’estinzione della quale  è stata individuata, con deliberazione della Giunta municipale n. 411 del 2009, la somma di euro 250. Per l’accertamento delle violazioni previste della presente ordinanza sindacale e per l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie si applicano i principi, i criteri e le modalità di cui alle l. 24 novembre 1981 n. 689, ivi comprese le sanzioni amministrative accessorie previste dalla prefatta legge. La presente ordinanza verrà pubblicata all’albo Pretorio informatico del Comune. Si dispone, infine, che  copia delle presente ordinanza sia notificata, per le rispettive competenze a Prefettura di Ragusa, Questura di Ragusa; Comando Provinciale Carabinieri Ragusa; Comando Provinciale Guardia di Finanza Ragusa; Capitaneria di Porto di Pozzallo; Comando Polizia Provinciale Ragusa; Arpa Ragusa; Siae Ragusa; Commissariato Ps Vittoria; Compagnia Carabinieri Vittoria; Tenenza Guardia di Finanza Vittoria; Dirigente della Polizia municipale Vittoria; Dirigente Urbanistica Comune Vittoria; Dirigente Tributi Comune Vittoria; Dirigente Sviluppo Economico Comune Vittoria; Siae Vittoria; sia comunicata ai titolari delle attività interessate a mezzo delle associazioni di categoria maggiormente rappresentative; al  Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri di Ragusa. A chiunque spetti, è fatto obbligo di  osservare e fare osservare il presente provvedimento. Avverso il presente atto è ammesso ricorso avanti Tar Catania o Presidente Regione Siciliana nei termini, rispettivamente, di 60 giorni e di 120 giorni dalla sua pubblicazione sul sito informatico del Comune.

di Redazione | 08/06/2013

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it