We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Roma (Roma) - Rassegna dialetti, il 22 maggio iniziativa su quello pescarese


L’attaccamento per la lingua materna e l’amore per la terra natia – l’evidente abruzzesità - in Gabriele d’Annunzio hanno sempre costituito una componente costante nella sua produzione letteraria. Con gli amici pescaresi egli parlava sempre in dialetto abruzzese e alla  propria terra si rivolgeva sempre con quella struggente nostalgia che più volte lo spinse a fare di quel mondo di “Pastori” l’ambientazione ideale per molti suoi scritti . Ispirate all’Abruzzo sono, ad esempio, Le novelle della Pescara, pubblicate nel 1902 - una rielaborazione dei racconti apparsi in Terra vergine (1882) - Il libro delle Vergini (1884) e San Pantaleone (1886). Romanzo d’ispirazione abruzzese è poi il Trionfo della morte, come abruzzesi sono le tragedie La figlia di Iorio (1904) e La Fiaccola sotto il moggio (1905); di queste opere, però, la critica nazionale e internazionale si è a lungo ed ampiamente occupata, trascurando quella produzione minore che ha visto il Vate impegnato nella stesura di componimenti in dialetto abruzzese, tra cui molti sonetti, non compresi nell’Opera omnia e, pertanto, rimasti perlopiù sconosciuti. A lui, Vate della letteratura italiana che “fece dell’Abruzzo la terra della propria fantasia” sarà dedicato il settimo appuntamento della rassegna sui dialetti in programma a Roma per mercoledì 22 maggio alle ore 17 presso la Galleria del Primaticcio di Palazzo Firenze (Piazza Firenze, 27). L’incontro, in collaborazione con I Parchi Letterari® – Parco d’Annunzio di Anversa degli Abruzzi - vedrà la partecipazione di Licio Di Biase, scrittore e storico pescarese attualmente delegato al Patrimonio storico del Comune di Pescara - con un intervento dal titolo "A Giacumine Acerbe"; “D'Annunzio e il suo dialetto”, di Giordano Bruno Guerri, Presidente del Vittoriale degli Italiani, e di Daniela Musini, scrittrice dannunziana e attrice. In occasione dell’appuntamento il Presidente del Vittoriale degli Italiani Giordano Bruno Guerri illustrerà al pubblico le iniziative in programma per le celebrazioni del 150° della nascita del Vate. Nel corso dell’incontro l’attrice e scrittrice Daniela Musini leggerà una selezione di poesie in vernacolo e tre monologhi tratti da La figlia di Iorio, nella versione in dialetto abruzzese di Cesare de Titta, eminente studioso e grande amico del Vate.

di Redazione | 20/05/2013

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno IonioNotizie per la tua pubblicità Affittasi garage Via Meucci Mirto Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2020 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it