We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Il Papa canonizza gli ottocento martiri d’Otranto. La suora graziata da un cancro per loro intercessione era di origine rossanese


di PIER EMILIO ACRI - Domenica scorsa, 12 maggio, Papa Francesco ha canonizzato gli ottocento martiri di Otranto.  Questi eroi della fede vennero uccisi il 14 agosto 1480 dai turchi di Gedik  Ahamed Pascià per aver rifiutato la conversione all'Islam dopo la caduta della loro città. A  oltre cinquecentotrenta anni dall’episodio e dopo due secoli dal decreto di beatificazione si è  compiuto un evento storico. Ma la notizia che interessa la nostra Arcidiocesi è questa: la suora graziata da un cancro letale per intercessione degli ottocento Martiri di Otranto era di origine rossanese. Si tratta di suor Francesca Levote nata il 5 novembre 1926. Monaca professa delle Sorelle Povere dell’Ordine di Santa Chiara, era  entrata in monastero il 29 giugno del 1945, iniziando la vita religiosa il 2 luglio 1947. La professione temporanea arrivava il 6 febbraio 1955, mentre quella solenne il 16 aprile 1958: sessantasette anni di vita monastica, prima di morire nel 2011, all’età di 85 anni. A Soleto (LE), la suora, nel 1980, a 54 anni d’età, venne colpita da una grave forma tumorale già in metastasi e senza speranza di restare in vita. Domenica scorsa in S, Pietro era presente il nipote Ubaldo Levote Maresciallo Maggiore della Guardia di Finanza in quiescenza e autore di alcune opere librarie.

di Redazione | 15/05/2013

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it