We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Il salone del Circolo culturale gremito per la conferenza sull’Editto di Costantino


di ANTONIO IAPICHINO - Il Circolo culturale di Mirto, in collaborazione con l’Ufficio scuola della Diocesi di Rossano – Cariati e l’Unione giuristi cattolici di Rossano, in occasione del 17° centenario (313-2013) dell’Editto e la Donazione di Costantino, ha realizzato una valida conferenza presso il proprio salone in piazza Dante a Mirto. Ampia la partecipazione di pubblico, proveniente dai diversi paesi dell’hinterland. La struttura crosimirtese è stata letteralmente invasa dai numerosi ospiti. Salone e corridoi gremiti di gente. Tante persone non sono riuscite neanche a salire all’interno del circolo, situato al primo piano di un edificio della centralissima piazza Dante di Mirto. Si è dato il via ai lavori con i saluti del sindaco di Crosia, Gerardo Aiello, e del Vicario Episcopale per i Laici della Diocesi di Rossano - Cariati, don Pino Straface. Si è proceduto con due importanti e interessanti relazioni: la prima a cura di monsignor  Francesco Milito, Vescovo di Oppido – Palmi. Ha trattato il tema: “La Cristianità prima e dopo l’Editto”. La seconda relazione è stata tenuta dal professor Filippo Burgarella, ordinario di Storia Bizantina presso l’Università della Calabria, e Direttore del Dipartimento, che ha messo in evidenza “Le conseguenze della Donazione sulla Cristianità e sull’organizzazione degli Stati europei fino alle moderne Costituzioni”. Ha ben coordinato i lavori il professor Franco Pistoia, già Senatore della Repubblica. Il maestro Serafino Madeo ha offerto un omaggio musicale al pianoforte.

di Redazione | 28/04/2013

Pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it