We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Saracena (Cosenza) - Orti Mastromarchi e albergo diffuso. Esperienza Saracena a Workshop Bisp 2013


Centro storico, riqualificazione degli Orti Mastromarchi e progetto albergo diffuso. Restituzione al pubblico di un luogo chiuso e abbandonato prima, con la realizzazione di un polo culturale nel cuore del centro storico dopo. È questa l’esperienza del Paese del Moscato Passito portata all’attenzione del laboratorio dal titolo “Identità: lo spazio pubblico nei centri storici minori” inserito all’interno del programma della II Biennale dello spazio pubblico 2013 tenutosi a Morano nei giorni scorsi. Una 3 giorni di incontri , dibattiti analisi,  proposte e soluzioni al problema dei centri storici minori.     A darne notizia è l’assessore alla comunicazione istituzionale e al marketing territoriale  Giovanni Gagliardi ospite dell’evento insieme all’architetto Raffaele Guaragna. Nel corso della manifestazione, tenutasi nell’ex asilo della Vittoria, l’assessore ha illustrato le politiche che l’amministrazione ha già messo in campo  e sulle quali continua a lavorare per la riqualificazione del borgo antico.   Lo sviluppo del centro storico – ha spiegato– rappresenta per Saracena il contesto fisico in cui dovrà svilupparsi l’intera economia del territorio. Il Paese, negli ultimi anni, ha vissuto una timida primavera che sottende un potenziale incredibile. Le risorse agroalimentari sono diventate, via via – ha continuato – un attrattore importante delle energie produttive del territorio e intorno al Moscato e all’Olio è nato un fermento che ha generato aziende, attenzione, buone pratiche. Il centro storico, in questo processo, è pensato come il contenitore, lo spazio di accoglienza dei servizi e il luogo per fare esperienza delle risorse agroalimentari del territorio. Il progetto dell’albergo diffuso – ha proseguito l’assessore al marketing territoriale – è l’obiettivo pubblico di azione dell’amministrazione. I privati dovranno condirlo di iniziative. La peggiore  problematica – ha concluso GAGLIARDI – è lo sbilanciamento a favore di quanti non credono in questo progetto. La nostra esigenza è attirare l’attenzione dei nostri cittadini.     In questo ambito, ciascuno dei  comuni invitati a partecipare, ha presentato progetti e piani urbanistici: buone pratiche per combattere lo spopolamento e riportare i centri storici al centro della vita  dei piccoli comuni. Oltre a Saracena, erano presenti i comuni di CIVITA (CS), FIUMEFREDDO BRUZIO (CS), SAN LUCIDO (CS), FALERNA (CZ), ARTENA (RM), CORENO AUSONIO (FR), MAIORI (SA). L’architetto GUARAGNA di Saracena ha raccontato il progetto strategico di rigenerazione funzionale e sociale del centro storico al quale ha fatto seguito l’intervento di agopuntura urbana dell’auditorium degli Orti Mastromarchi.         La 3 giorni di Morano, in particolare, aveva come obiettivo quello sviluppare il tema generale del rapporto tra rigenerazione sociale, riqualificazione urbana e valorizzazione degli spazi pubblici, che presentino un carattere identitario o valore economico e sociale.     Il laboratorio, organizzato dal Comune di Morano in collaborazione con la Provincia di Cosenza, è stato, inoltre, accompagnato da una mostra dei lavori dei singoli comuni. La mostra si sposterà anche a Roma e sarà parte integrante dell’ultimo atto della Biennale dello Spazio Pubblico che si terrà nella capitale dal 16 al 18 maggio.

di Redazione | 27/04/2013

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it