We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Bari (Bari) - Il Sindaco a Roma sul palco della manifestazione contro i tagli ai finanziamenti pubblici per la cultura


Il Sindaco di Bari Michele Emiliano è intervenutoa Roma alla manifestazione “La cultura è futuro”, indetta da Cgil, Cisl, Uil, Federazione nazionale della stampa, Usigrai, Movem09 contro i tagli ai finanziamenti pubblici per la cultura. “Sono il presidente di una fondazione lirico-sinfonica, la fondazione Petruzzelli - ha esordito emiliano  – riferisce testualmente una nota dell’Ufficio stampa comunale - che gestisce un teatro che 18 anni fa è stato bruciato, e sono dunque consapevole che non c’è altro mezzo, soprattutto per noi meridionali, di lottare contro l’illegalità e il sottosviluppo che investire sulla formazione delle persone e sulla messa a profitto del loro talento. Per trasformare il degrado delle periferie in opportunità di sviluppo bisogna far partecipare i nostri bambini agli stage di Eleonora Abbagnato, che abbiamo organizzato quest’estate al Petuzzelli; bisogna insegnare loro come si prepara una scena o si piazzano le luci; bisogna trasformare la Rossani nella nuova sede dell’Accademia di Belle Arti e in uno spazio dove le arti figurative, la musica, il cinema, il teatro possano trovare la loro sede naturale nella città di Bari”. “Dopo la grande crisi del ’29 - ha continuato poi - Roosevelt immaginò di investire in arte finanziando direttamente i protagonisti della scena del suo tempo richiamando a New York perfino i maestri europei in fuga dai fascismi e dal nazismo. Rispondeva così alla principale sindrome della crisi economica, e cioè la paura stessa della crisi e della sconfitta, individuale e collettiva. Fu così che New York divenne contemporaneamente la capitale economica del mondo moderno nonché il luogo più significativo per la cultura contemporanea. Riscossa economica e cultura sono sempre andate a braccetto e chiunque le separi commette un gravissimo errore, soprattutto di carattere finanziario ed economico. È questo il momento invece di dare vita a una legge sulla bellezza dell’Italia che contenga al suo interno la tutela di tutti gli elementi identitari del nostro Paese: il paesaggi, i cibi, il teatro, il cinema, il canto, l’architettura, la forma stessa della nostre città. La bellezza può davvero salvare l’Italia da questa crisi e dai suoi mali antichi”.

di Redazione | 08/06/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it