We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Morano Calabro (Cosenza) - Dal 19 al 21 aprile un laboratorio della Biennale dello spazio pubblico 2013


Morano tra i centri della Biennale dello Spazio Pubblico 2013. Selezionato insieme a Napoli e Palermo, il rinomato borgo del Pollino ospiterà dal 19 al 21 aprile il laboratorio “Identità: lo spazio pubblico nei centri storici minori”.   Si tratta di un viaggio nei comuni delle buone pratiche. Che coinvolge amministratori e cittadini, scuole e università, categorie professionali e imprenditoriali. «L’obiettivo – spiega il consigliere delegato all’Urbanistica presso la municipalità moranese, Rosanna Anele – è di costruire una rete di relazioni tra realtà disomogenee ma con le medesime problematiche, al fine di promuovere quanto di positivo e valido in esse si realizza, rafforzando la professionalità di tecnici e classi dirigenti che non rinunciano alla qualità del loro impegno».   L’idea, semplice ancorché complessa nella molteplicità d’azione, mira essenzialmente a «conoscere e verificare le condizioni di salute del sistema degli ambienti collettivi, ossatura portante – secondo Anele – di ogni città degna di questo nome».   Gli incontri moranesi svilupperanno aspetti e prospettive legate al rapporto tra rigenerazione sociale, riqualificazione e valorizzazione di aree urbane che presentino un carattere identitario o un significato economico e sociale. «I focus tematici emergenti – osserva Anele – riguardano il rapporto ormai consolidato tra spazi pubblici del centro storico e aggregazione; il mutamento del nesso tra piccoli orti civici spontanei e economia di sussistenza; l’uso dei giardini contigui agli edifici di pregio architettonico; la potenziale conversione in parchi cittadini delle vaste zone verdi periferiche di proprietà forestale».   In particolare, nei seminari che riuniranno nella patria dei De Cardona personalità provenienti da tutto il territorio nazionale, si tenterà di proporre modelli di recupero e rivalutazione degli spazi pubblici e, più specificamente, lo spirito del piano di riqualificazione e rigenerazione dell’abitato antico di Morano.   Ampia, composita e articolata la scaletta della kermesse. Si comincia venerdì 19 aprile. Dopo l’accoglienza e la sistemazione nelle strutture ricettive locali, i partecipanti saranno scortati nel dedalo di stradine che caratterizzano il centro storico; quindi nel pomeriggio full immersion negli argomenti tecnici con autorevoli relatori (l’elenco dei quali è reperibile nelle locandine promozionali in diffusione nonché sul sito ufficiale del Comune di Morano e sul portale della Biennale).   Sabato 20, l’inizio delle attività è fissato per le ore 9.00. I saluti istituzionali precederanno i momenti di studio che seguiranno per tutta la giornata. Scambi d’esperienze tra differenti progettualità si dipaneranno per approdare in serata alle conclusioni e procedere al confronto dei risultati. Domenica 21, i convegnisti si trasferiranno a Civita. Ove terranno una tavola rotonda per discutere di risorse naturali e aree protette. Dopo la visita al centro storico, all’ecomuseo e alle gole del Raganello, la comitiva ritornerà a Morano per la chiusura dei lavori.   Sede delle conference, il suggestivo Chiostro di san Bernardino e Palazzo Scorza (ex asilo La Vittoria).

di Redazione | 13/04/2013

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia IonioNotizie per la tua pubblicità bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it