We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - A giugno Consiglio nazionale Slow food in Calabria. Dall’8 aprile studenti da tutto il mondo


Consiglio Nazionale Slow food per la prima volta in Calabria. Condotte, da pochi giorni il ritorno di Vibo. Tanti gli appuntamenti in agenda a partire dalla Primavera. Dal nuovo sito per dare visibilità regionale alle iniziative, all’accoglienza dei 27 studenti dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (BRA) ospitati dall’8 aprile tra Catanzaro, Soverato e Rossano. A maggio la partecipazione al Salone del Libro di Torino con la Calabria ospite d’onore.   A spiegare i prossimi step di Slow Food Calabria è il presidente regionale Nicola Fiorita nell’intervista di Eugenio Furia sull’ultimo numero del settimanale Corriere della Calabria.   In Calabria il primo eataly della legalità. Il più grande negozio di cibo etico – si legge – privo di contaminazioni mafiose. Questo progetto è stato sottoposto dallo stesso presidente Fiorita all’attenzione dei Ministro per la Coesione del territorio Fabrizio Barca come una delle “99 ideas” in corsa per la valorizzazione di Reggio Calabria.   A giugno, dal 21 al 23, per la prima volta, il Consiglio Nazionale di Slow Food sarà ospitato in Calabria. Saranno presenti tutti i presidenti regionali e i dirigenti nazionali. L’appuntamento sarà a Belmonte, centro del basso Tirreno cosentino.        L’importante tappa di giugno – prosegue Fiorita – sarà possibile grazie al sostegno dei soci e dei piccoli produttori delle sei eccellenze a rischio estinzione (le altre sono il caciocavallo di Ciminà, il moscato al governo di Saracena, le lenticchie di Mormanno, il capicollo azze anca prodotto nell'area grecanica del Reggino e la carne podolica) con il contributo dell'amministrazione comunale di Belmonte.   Dall'8 al 12 aprile – continua il presidente regionale Slow Food – accoglieremo inoltre 27 studenti dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo-Bra (Cuneo). Saranno ospitati tra Catanzaro, Soverato e Rossano. Provengono da 14 Paesi di tutto il mondo e, in tutto il mondo porteranno, lavorando da cuochi e da critici il meglio della tradizione calabrese. Il messaggio che sempre più vogliamo lanciare – conclude Fiorita nell’intervista – è che anche in Calabria Slow Food non è solo un club per gli amanti di buon cibo, ma soprattutto un progetto finalizzato alla consapevolezza dei cittadini e alla loro necessità di controllare e informarsi sulla produzione, la commercializzazione e i consumi alimentari. Al di là – chiosa – della fiammata di moda che sta investendo l'enogastronomia, Slow Food con la sua lunga attività, è lì a dimostrare come un'altra idea di consumo, critico ed etico è possibile.

di Redazione | 01/04/2013

Pubblicità

cinema teatro sanmarco rossano 10 aprile decennale IonioNotizie.it vendesi tavolo da disegno studio sociologia bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it