We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Ancona (Ancona) - 8 marzo, "Lo sguardo rubato" e "Veli d’occidente" domani al ridotto delle muse


Il Comune di Ancona, assessorato alle Pari Opportunità insieme con il Forum Cittadino delle Donne presenta "Lo sguardo rubato, veli d’occidente - Un viaggio visionario attorno al "velo" nella tradizione occidentale, per incontrare, senza pregiudizi, culture diverse dalla nostra". Lo sguardo rubato è un originale recital musicale, condotto dalla voce di Isabella Carloni, con Christian Riganelli alla fisarmonica, che si terrà, con ingresso gratuito, martedì 9 marzo 2010 alle 21 al Ridotto del Teatro delle Muse. Nello spettacolo la letteratura e la musica - riferisce testualmente una nota dell’Ufficio stampa del Comune di Ancona - si fanno veicoli di suggestione e di riflessione sull’uso e il significato simbolico del velo, come elemento di confronto fra culture, in un vero e proprio viaggio attraverso epoche, confini, usi e accezioni differenti, che vuole indagare, tra memoria e tradizione, la cultura femminile dell’occidente e incrociare tradizioni diverse e lontane da noi. "Lo sguardo rubato – si legge nella nota descrittiva dello spettacolo - è quello delle donne, a cui viene spesso ancora negato uno sguardo libero e autonomo: quello delle donne islamiche, a cui, in molti contesti, è ancora sottratta letteralmente una vista libera, ma anche quello delle donne occidentali, che subiscono più sottili costrizioni, soggiacendo a immagini e stereotipi che ne sviliscono la dignità. Il suggestivo percorso attorno all’affascinante elemento dell’abbigliamento femminile attraversa spunti letterari antichi e contemporanei: dal mito occidentale di Diana, sorpresa nuda durante il bagno, a Maria di Nazareth nella cui iconografia il manto celeste richiama il velo della tradizione religiosa ebraica e cristiana, fino ai racconti delle Mille e una notte, alle donne d’Algeri raccontate da Assia Djebar e le pagine leggere ed ironiche ispirate al racconto dell’infanzia in Marocco di Fatema Mernissi". Lo spettacolo intreccia attorno all’elemento del "velo"mondi lontani nel tempo e nello spazio, che tornano però oggi d’attualità sui nostri scenari mediterranei. La voce di Isabella Carloni (curatrice anche dei testi) e le atmosfere musicali create dagli arrangiamenti e composizioni di Christian Riganelli alla fisarmonica conducono così attraverso un viaggio visionario che, a partire dalla memoria della tradizione occidentale, propone di incontrare, con stupore e senza pregiudizi, culture diverse e affida al linguaggio artistico una riflessione sul mondo contemporaneo. Il recital è nato all’interno del progetto "il velo", ideato da Isabella Carloni per Cohabitat, il progetto inter-culturale della Provincia di Ancona condotto in collaborazione con l’Associazione Centro Cultura Canto di Osimo. Ha il Patrocinio della Commissione Speciale Pari opportunità della Provincia di Ancona

di Redazione | 08/03/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it