We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Longobucco (Cosenza) - Comune, l'opposizione si riorganizza e rilancia


di FRANCESCO MADEO - Tempo di riorganizzazione per il gruppo di opposizione “Per Longobucco centro e frazioni unite”. “Nel corso di una riunione svoltasi alla presenza di vari responsabili del movimento, sono stati nominati: Teresa Muraca, Marco Campana e Carmine Forciniti, quali Coordinatori del gruppo. Prossimamente verranno anche nominati altri due coordinatori per le Frazioni Destro, Manco e Ortiano e uno per le frazioni Cava di Melis e San Pietro in Angaro. Saranno anche fissate le date di svolgimento di due assemblee pubbliche al fine di rilanciare il lavoro del movimento in riferimento alle tante problematiche che interessano la cittadina silana”. Questo il contenuto del comunicato a firma di Eugenio Celestino (nella foto), capogruppo consiliare di opposizione che rende così note le decisioni assunte nel corso dell’incontro al quale ha presenziato unitamente a Lara Grillo, consigliere comunale. “I partecipanti all’incontro – è scritto nel comunicato - hanno ancora una volta preso atto della presenza, all’interno del movimento, di diverse sensibilità e appartenenze politiche  le quali potranno esprimersi autonomamente nelle varie fasi elettorali e nelle attività dei singoli partiti di appartenenza. Tali diversità, lungi dal portare divisioni e incomprensioni, recherà viceversa ricchezza di idee al movimento e capacità di rapportarsi nei confronti delle tanti presenze istituzionali presenti nella regione e nel Parlamento, presenze che saranno coinvolte al fine della risoluzione dei tanti e drammatici problemi che vive la comunità. L’incontro – ha scritto Eugenio Celestino - ha portato a una seria analisi dei vari problemi, primo tra tutti il continuo e inesorabile spopolamento in atto nella cittadina silana, il clima di rassegnazione presente, la mancanza di lavoro soprattutto per i giovani che rende il paese sempre più povero. Inoltre – ha aggiunto nella nota il capogruppo consiliare - è stata posta particolare attenzione alla precaria situazione di dissesto idrogeologico presente in varie zone del paese che minaccia la stabilità del centro abitato, quale la parete sinistra del Macrocioli e la zona di Via Castello sulla quale grava il pericolo di una grossa frana monitorata dalla Protezione civile. Altro tema in discussione, la situazione di grave precarietà dei lavoratoti Lsu ed Lpu e particolarmente quella dei lavoratori ex Sial che non ricevono l’indennità da vari mesi. Circa la vicenda dell’impianto di cogeneratore a biomasse solida sul sito di Santa Croce – ha scritto Celestino - si è ribadita la volontà di riprendere la discussione al fine di far desistere l’amministrazione comunale dalla volontà di realizzare l’impianto e soprattutto per individuare le responsabilità tecniche e politiche che hanno indotto l’Impresa a rifiutare la firma del contratto per l’inizio dei lavori previsti. Infine – conclude la nota di Celestino - è stata posta attenzione circa i lavori di costruzione della Strada Longobucco-Mare, “eterna incompiuta”,  e sui problemi inerenti la Sanità soprattutto in riferimento alla mancanza di un mezzo di soccorso adeguato a disposizione dei cittadini in casi di necessità ed urgenza”.

di Francesco Madeo | 26/01/2013

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it