We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Prima tappa di preparazione dei giovani industriali in vista del G20 Young Business Summit


L'" Innovazione delle produzioni alimentari tipiche di qualità preservando le minoranze etniche nel contesto globale”. E’ stato questo il tema della prima delle due tappe di preparazione al G20 Young Business Summit, che si svolgerà a Toronto dal 20 al 22 giugno prossimi. L’importante appuntamento, voluto a Cosenza dal componente del Comitato Rapporti Internazionali dei Giovani Imprenditori di Confindustria Stanislao Smurra e dal Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Calabria Nuccio Caffo, - riferisce testualmente una nota di Confindustria Cosenza - ha visto confrontarsi,nella sede dell’Assindustria cosentina,  industriali, docenti universitari, esperti del settore,dirigenti regionali. Nell’aprire i lavori, moderati dal Direttore di Confindustria Cosenza Rosario Branda, il Presidente degli imprenditori cosentini Renato Pastore ha evidenziato come ci sia la necessità di mettere a sistema le produzioni alimentari tipiche, che da elemento di marginalità devono diventare al contrario leva di competitività. “La globalizzazione – ha condiviso il Presidente dei Giovani Imprenditori Fortunato Amarelli -  impone anche agli imprenditori del settore agroalimentare di accrescere la competitività delle proprie aziende, valorizzando la qualità delle produzioni ed esaltandone la tipicità, soprattutto se espressione di una minoranza etnica.” Sulla stessa lunghezza d’onda il Presidente Nuccio Caffo, che ha posto l’accento sull’importanza di proteggere adeguatamente i prodotti locali, rafforzandone il legame con l’origine geografica, che è il solo fattore a non poter essere replicato e quindi a consentire di identificare realmente come unica una determinata produzione. “E di eccellenze del genere- ha sostenuto l’imprenditore Stanislao Smurra - da far crescere, tutelare e promuovere è ricca la Calabria, una regione capace di restituire anche a livello di enogastronomia un’immagine di accoglienza ed effettiva integrazione, se si pensa  alle tante prelibatezze, frutto della presenza da più secoli di alcune minoranze etniche.” Proprio la scelta di declinare il tema dell’innovazione, filo conduttore di ogni incontro di preparazione al Summit, riferendolo agroalimentare e non, come di solito avviene, all’informatica e al terziario avanzato, è stata particolarmente apprezzata dallo Sherpa G20 del Comitato Rapporti Internazionali e YES dei Giovani Imprenditori di Confindustria Davide Canavesio, che ha sottolineato la valenza strategica di puntare su questo comparto ed in particolare sulle produzioni tipiche per contribuire al rilancio dell’economia locale. Ma se si vuole puntare sui prodotti tipici, quale elemento distintivo del settore agroalimentare calabrese – ha puntualizzato l’Ordinario di Politica Economica dell’Università della Calabria Giovanni Anania - occorre legare quest’ultimi a un  territorio ben concentrato, a precise tecniche di produzione e alla tradizione di quelle aree. Senza dimenticare di associare il marchio d’impresa a quello d’origine, perché il consumatore opta per gli alimenti tipici nella misura in cui questi sono riconosciuti come portatori di valori specifici ed irripetibili, circostanza questa che viene identificata più facilmente in quelle aziende che si siano imposte sui mercati per la qualità e l’autenticità delle proprie produzioni. I marchi DOP o IGP – ha rimarcato il Dirigente del Settore Valorizzazione e Promozione delle Produzioni Agricole e delle Filiere Produttive della Regione Calabria Giacomo Giovinazzo - non sono semplici sigle, ma rappresentano un patto etico tra l’azienda, che garantisce l’origine, le caratteristiche ed il rispetto di precisi disciplinari di produzione degli alimenti, ed il consumatore, che ha, grazie a questi loghi, la possibilità di riconoscere le eventuali imitazioni. Ed è per questo che la Regione Calabria si è da tempo attivata, ottenendo il riconoscimento per 9 DOP e 3 IGP e avviando la trasformazione di svariate DOC e IGT rispettivamente in DOP ed in IGP. Un riconoscimento, questo, che dovrà interessare, secondo il Direttore dell’Istituto Commercio Estero della Calabria Domenico Neri, pure le produzioni tipiche riconducibili ai Grecanici, agli Occitani ed in particolare agli Albanesi, che possono consentire alle imprese regionali di entrare in mercati esteri finora inesplorati.

di Redazione | 29/05/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it