We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Trieste (Trieste) - Oggi e domani il Congresso regionale del Prc


Inizia oggi, alle ore 17 presso la sede di Rifondazione Comunista di Trieste (via Tarabocchia) il Congresso regionale del Prc che domenica eleggerà i nuovi gruppi dirigenti e il nuovo segretario regionale. Secondo il Segretario uscente, Kristian Franzil, “E’ fondamentale riuscire a costruire un’opposizione politica e sociale al Governo Monti, far comprendere fino in fondo che l’attuale governo, anomalia europea visto che tutti gli altri paesi hanno un governo eletto con un percorso democratico, sta proponendo un programma contro i lavoratori e le lavoratrici, che non ci farà uscire dalla crisi, ma ci porterà alla recessione.   Le ultime proposte, che si aggiungono alla controriforma delle pensioni e del mercato del lavoro, continuano ad essere riforme strutturali dovute a una politica tipicamente di destra,  che non vuole colpire i grandi capitali ma distribuire sul lavoro dipendente il costo della crisi. Un costo che risulta sempre coperto, per migliaia di miliardi, se a essere in pericolo sono le banche,  e viceversa sempre privo di copertura se ad essere colpiti sono i diritti.   Per questo oggi proporremo di costruire una sorta di Syriza del FVG, ovvero una coalizione delle sinistre in cui ognuno mantenga la propria identità ma che sappia avere un rapporto con gli altri soggetti, superando interessi di bottega e settarismi. Che sappia denunciare i tagli alla sanità del Governo come discutere le norme sulle aziende pubbliche contenute nell’ultimo decreto (ad esempio come mantenere un patrimonio regionale come insiel).   Proponiamo una campagna contro le misure della Fornero (in particolare un referendum sull’art. 18) e per proposte di legge d’iniziativa popolare che vadano nella direzione dei movimenti europei, primo fra tutti un impegno per riattivare l’intervento statale sull’ambiente come stimolo all’economia e all’occupazione.   Vorremmo proporre alla sinistra, in particolare a IDV e Sel, di discutere di disoccupazione giovanile, delle crisi che attraversano il nostro territorio, dei lavoratori che non arrivano a fine mese e dei beni comuni, in particolare dell’ambiente e della salute. Vorremmo cioè confrontarci sui programmi, in questo vuoto d’opposizione in cui ci siamo trovati a discutere solo di nomi e di coalizioni fantasma, per sconfiggere Tondo e la destra che ci governa.   Poi, ma solo dopo, vorremmo parlare di candidature e di alleanze per le prossime regionali, lasciando spazio, però, ad ogni decisione, compresa quella di presentarci, se non troviamo una sintesi, in un Polo dell’Alternativa.

di Redazione | 07/07/2012

Pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it