We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Longobucco (Cosenza) - Convegno Club alpino italiano: "Una montagna di cose da fare"


di FRANCESCO MADEO - “Una Montagna di cose da fare”, questo il titolo del convegno svoltosi a Longobucco nella suggestiva cornice dell’ex convento francescano a cura del gruppo Cai, Club Alpino Italiano di Longobucco, referenti Mimmo Flotta e Sasà Pellegrino, all’interno delle manifestazioni del Festival della “Montagna-miniera viva” svoltosi nella cittadina silana il 2 e 3 giugno. Un tema molto sentito dai partecipanti, tutti rappresentanti di associazioni che operano a servizio della montagna che non hanno fatto mancare le proprie proposte a favore della difesa e valorizzazione del territorio montano. Il convegno è stato aperto da  Domenico Riga che ha presentato in fotoclik, immagini molto suggestive e non convenzionali della Sila, “un tesoro naturale da far conoscere e valorizzare  soprattutto ai tanti turisti presenti sulle costi calabresi”. Maria Pia De Rango, dell’Associazione “Amici della montagna” ha parlato dell’interesse che l’associazione produce da diversi anni per far conoscere le meraviglie di un comune patrimonio e della necessità, inoltre, di promuovere un’accoglienza di tipo familiare e lo sviluppo dell’idea di paese albergo.”. In rappresentanza del sindaco di Longobucco è intervenuto il neo assessore comunale al Turismo Bruno de Luca, per confermare la volontà di “continuare ad impegnarsi contro ogni abusivismo per la salvaguardia dell’enorme patrimonio boschivo”. Marco Noce del Club Alpino di Cosenza ha tenuto un’interessante intervento sulla realizzazione della nuova segnaletica posta all’interno dei boschi calabresi. Giacomo Zanfei vicepresidente del Soccorso Alpino Calabria ha invece spiegato i rischi che la montagna genera per coloro che la frequentano in modo non adeguato. Lo stesso ha poi relazionato circa gli innumerevoli interventi che, in diverse stagioni dell’anno, il Soccorso Alpino Italiano effettua nella ricerca di persone che si smarriscono o subiscono infortuni nei boschi.  Ranieri Filippelli Presidente del Gal, Gruppo di Azione Locale Sila Greca Basso Ionio Cosentino, in un apprezzato intervento, ha dato informazione dei vari bandi che il Gal mette a disposizione del territorio circa la valorizzazione delle risorse e dei prodotti. Un lavoro di eccellenza che ha portato l’Agenzia di Sviluppo Locale, a tessere interessanti relazioni con gli altri Gal presenti sul territorio nazionale e dell’intera Europa. Nel dibattito sono anche intervenuti Lorenzo Cara dell’Associazione “Trekkking Rossano” ed Eduardo Santoro, operatore Turistico, promotore di un’idea di rifugi silani a favore dei tanti amanti del Trekking. Conclusione dei lavori affidate a Massimo Veltri, dipartimento difesa del suolo dell’Unical, già senatore della Repubblica, uno dei primi firmatari della proposta di legge sull’istituzione del Parco Nazionale della Sila.  Veltri dopo aver apprezzato le interessanti proposte espresse dai partecipanti al dibattito, ha affermato che “. Massimo Veltri ha anche proposto, alle varie istituzioni, provinciali e regionali, la realizzazione di un progetto di interventi sulla montagna che metta fine a sporadiche iniziative che non tengono conto delle reali esigenze della montagna.

di Francesco Madeo | 27/06/2012

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 cartolandia nuovo 2015 studio sociologia bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it