We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Roma (Roma) - Domani la XVIII edizione della Giornata nazionale chiese aperte


Da 18 anni Archeoclub d’Italia organizza la “Giornata nazionale Chiese aperte” attraverso le centosettanta sedi locali sparse su tutto il territorio nazionale. I volontari di Archeoclub, in collaborazione con gli enti proprietari degli edifici e con le locali Sovrintendenze dei BBCC, garantiscono visite a luoghi di culto ordinariamente non accessibili. L’evento è aperto a tutti, soci e non soci di Archeoclub, e le visite sono gratuite. Le informazioni possono essere reperite sul sito del Ministero per i Beni e le Attività culturali www.beniculturali.it La “Giornata nazionale Chiese Aperte” è un evento ormai prossimo. Claudio Zucchelli – Presidente nazionale di Archeoclub d’Italia - ricorda ancora una volta l’importanza di questa manifestazione, che nel coinvolgimento delle Sedi territoriali trova un momento di azione unitaria e riafferma con grande forza il messaggio di Archeoclub d’Italia. Il coinvolgimento dei cittadini nella riscoperta delle proprie tradizioni, radicate in una fede che ha dato origine ad alcuni dei momenti più alti della storia artistica della nostra civiltà, non può evitare di fare riferimento al patrimonio di Chiese e cappelle che testimoniano i modi di sentire e di vivere delle generazioni che ci hanno preceduto. Non è soltanto un patrimonio di fede, è una eredità di pensiero, di tecniche costruttive e artistiche, di leggende e storie di fondazione che ci rivelano il mondo interiore e gli stili di vita di comunità che spesso, nelle Chiesa, trovavano il punto in cui tentare la composizione delle disuguaglianze e delle inevitabili frizioni di una società fortemente stratificata. Portare i nostri concittadini a rivedere le Chiese non più officiate, chiuse o abbandonate, è come metterli in contatto con la loro storia passata, con un mondo che stavano dimenticando, e forse molti di loro sentiranno che quei muri scrostati, quegli affreschi rosi dal salnitro, quei tetti pericolanti hanno bisogno di cure affettuose perchè non scompaia con queste ultime vestigia una parte della loro identità. E’ accaduto spesso, negli anni passati, che la riscoperta delle Chiese abbandonate, soprattutto quelle nella campagna, portasse ad un imprevisto accrescimento di Ente Morale D.P.R. 565 del 24 luglio 1986 Sede Nazionale Via del Porto 13 • 00153 Roma • Telefono 06 44202250 - Fax 06. 23328898 e- mail:segreterianazionale@archeoclubitalia.org - sito web www.archeoclubitalia.org conoscenze sulla storia locale che ha permesso di valorizzare non soltanto l’edificio sacro ma tutta la zona circostante; in alcune regioni si è addirittura giunti ad una schedatura di tutte le Chiese rurali di un certo territorio, primo passo per un loro restauro conservativo e per la creazione di itinerari tematici. Nelle città molte Chiese da noi riscoperte sono state restaurate e hanno dato il via al risanamento di interi quartieri. Finora sono risultati sporadici, ma sono sufficienti a farci comprendere che la nostra idea ha una sua validità concreta, che va oltre la semplice conoscenza di un monumento: ancora una volta, è in gioco la nostra capacità di indirizzare la sensibilità di cittadini e amministratori verso una tutela globale del patrimonio storico-artistico delle comunità, senza inutili e dannose graduatorie sulla maggiore o minore importanza di un bene a scapito di un altro.

di Redazione | 12/05/2012

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it