We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Sezze (Latina) - “Il Sacro nel Contemporaneo”: la mostra si chiuderà il 14 aprile


Si chiuderà sabato 14 aprile la mostra “Il Sacro nel Contemporaneo” patrocinata dal Comune di Sezze e dall’Associazione della Passione di Cristo. Ad accogliere il visitatore nell’atrio del Museo Archeologico una installazione di Cecilia Bossi sul tema della croce. Il percorso poi si snoda in più sezioni e mette a confronto una quarantina di opere di altrettanti artisti italiani di diverse generazioni, linguaggi e provenienza. Si inizia da quelli che hanno mantenuto uno stretto dialogo con la pittura rappresentativa: Giovanna Corsaro, Maria Ceccarelli (in arte Mac), Vincenza Costantini, Paul De Haan, Lidia Losurdo, Egidio Scardamaglia, Selly, Anna Maria Tessaro, Tommaso Brusca, Giuseppe De Angelis, Silvio Sangiorgi, Romano De Romanis  e si prosegue con una crocifissione in ceramica raku di Gaetano Barbone, una formella in terracotta di Riccardo Paolucci sulla XIII stazione della Via Crucis e un bassorilievo, sempre sul tema di Gesù Crocifisso, di Giovanni Colorito. Altri artisti hanno rielaborato, il tema del sacro con le diverse declinazioni dell’arte figurativa: da Mauro Marchini a Lucia Pomilio, Marina Assenza, Maria Rosaria Ciripompa, Antonella Pennarella, Angela Scappaticci, Rosita Sfischio, Giovanna Gallo, Anna Salvati, Daniela Panebianco, Franco Notarfonso, Bruno Pasqualucci e Lorenzo Toti. In questa stessa sezione troviamo quattro  giovani promettenti uniti da una espressività narrativa segnata da diverse strade connotate da libere associazioni di immagini: Alexander Ozerski, Mauro Kronstadiano Fiore, Marco Sciarpa e Davide Iacovella. La mostra, poi, si sofferma su un alfabeto espressivo molto variegato e con uno sguardo collegato ad una realtà non necessariamente realistico-narrativa. Ecco Francesca Cassoni, Felixandro, Cristina Messora, Stefano Sorrentino, Gianna Zanafredi, Romano Pasqualucci. Una sezione della mostra è riservata alle opere su carta di alcuni maestri molto indicativi del secondo Novecento come Remo Brindisi, Primo Conti, Umberto Mastroianni, Luciano Minguzzi e Sante Monachesi a cui si aggiungono altri apprezzati artisti italiani: Roberto Venturoni e Igina Colabucci Balla. Nella stessa sezione, “Golgota”, incisione densa di particolari narrativi di Maurilio Cucinotta e “L’angelo dell’Annunciazione”, ceramica raku di Maria Felice Petyx. Infine due opere sul tema del Cristo Crocifisso di Gabriele Iagnocco e di Luigi Centra della collezione permanente del museo archeologico. Ad arricchire il percorso espositivo “San Gerolamo o le tre età”, una riproduzione su carta di Renato Guttuso  firmata dall’artista. Motivo di maggior interesse è anche  il dialogo che si instaura tra i reperti di epoca romana del Museo Archeologico e le opere esposte.

di Redazione | 11/04/2012

Pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it