We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Pescara (Pescara) - Interventi via Caduti per Servizio, il pensiero del sindaco Luigi Albore Mascia e gli assessori Cerolini, Del Trecco e Panzino


“La nuova amministrazione comunale di Pescara non avrà alcuna esitazione nell’affrontare con forza, concretezza e incisività i problemi di carattere sociale riscontrati in via Caduti per Servizio: già entro le prossime ore le squadre della Attiva interverranno per tagliare l’erba nel parco della Serenità, mentre aiuole e piccoli interventi già sono stati eseguiti. Ma soprattutto dalla prossima settimana, con le Forze dell’Ordine, scatterà la stretta su quei pochi residenti che pensano di poter vivere fuori dalle regole tenendo in ‘ostaggio’ un intero rione. Scatteranno blitz contro gli abusivismi di ogni genere, ripartiranno con forza gli sfratti contro coloro che hanno occupato senza alcun titolo gli appartamenti popolari e soprattutto faremo sentire quella minoranza con il fiato sul collo. Lo abbiamo promesso ai residenti del rione, ma lo hanno capito anche quei quattro cittadini scesi in strada per protestare contro la presenza delle Istituzioni nel ‘loro’ territorio, segno che probabilmente prima di ieri le Istituzioni in quella strada non avevano mai messo piede, consentendo alla microcriminalità di dilagare, di impadronirsi di un pezzo di città, di usare addirittura anche pitbull e rottweiler per tentare di intimorire un’amministrazione che ieri ha invece affrontato a viso aperto e senza alcuna paura quelle sacche di criticità girando per due ore e mezza l’intero rione. Lo abbiamo fatto in via Caduti per Servizio e nei prossimi giorni lo faremo anche nelle altre zone ‘calde’ del capoluogo adriatico. Pescara deve tornare a essere la città delle regole”. Lo hanno ribadito il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia e gli assessori alle Politiche sociali Guido Cerolini, alla Politica della Casa Isabella Del Trecco e al Disagio giovanile Carla Panzino – riferisce testualmente una nota dell’Ufficio stampa comunale -  dopo un breve briefing per fare il punto circa la situazione evidenziata ieri e sugli interventi da attuare nell’immediato. “Trasformeremo via Caduti per Servizio nel nostro ‘quartiere modello’, un esempio da imitare quanto a capacità di azione e di intervento – hanno ribadito il sindaco Albore Mascia e gli assessori Del Trecco, Panzino e Cerolini -, un quartiere in cui le frange di malavita che oggi la fanno da padrone non avranno più vita facile e, bersagliati da una raffica di provvedimenti, saranno costretti a fare le valige, ma non per trasferirsi in un altro punto della città. Quelle frange rappresentano una minoranza in un rione popolato dal 95 per cento di persone perbene, che hanno saputo trasformare i propri condomini popolari in gioiellini, ben tenuti, creando anche piccoli spazi di aggregazione collettiva, per sentirsi meno soli contro quella minoranza prepotente che l’amministrazione comunale e le Forze dell’Ordine conoscono già molto bene. Conosciamo quei volti che ieri sono scesi in strada per allontanare le Istituzioni da via Caduti per Servizio, conosciamo il loro modus operandi, ma anche i loro punti deboli. Due saranno ora i fronti di intervento: il primo riguarderà la manutenzione del quartiere. Dalle prossime ore le squadre della Attiva provvederanno a risistemare il Parco della Serenità, per poi individuare un soggetto disponibile a prendersi cura con continuità della struttura, al quale il Comune assegnerà attrezzi e strumenti per provvedere allo sfalcio ordinario dell’erba e alla pulizia minuta. Poi – hanno proseguito il sindaco Albore Mascia e gli assessori Cerolini, Panzino e Del Trecco – provvederemo a far asfaltare un piccolo tratto di strada che collega due blocchi di via Caduti per Servizio, che il passato governo di centro-sinistra, durante i lavori di manutenzione della zona, ha lasciato in breccia perché di proprietà dell’Ater, parliamo di pochi metri ai quali dobbiamo dare dignità per evitare che si trasformino in un pantano dopo ogni piccola pioggia. Nel frattempo scatteranno gli interventi relativi all’ordine pubblico: con le Forze dell’Ordine predisporremo operazioni immediate per ripartire con lo sfratto lampo e a sorpresa di coloro che hanno occupato abusivamente alloggi popolari senza alcun diritto. E gli appartamenti liberati da cose e persone, com’è già avvenuto nei casi precedenti, verranno immediatamente riassegnati a cittadini in graduatoria. Sfratti che avverranno alla presenza di medici, autoambulanze, addirittura veterinari, rendendo dunque inutile qualunque tentativo di resistenza. Poi con l’ufficio abusi andremo a verificare e smantellare subito ogni tipo di baracca, tendone, recinto realizzato senza permessi, lanciando un segnale chiaro al rione. Infine con Questura, Carabinieri e Guardia di Finanza partiranno altri interventi più capillari per debellare la microcriminalità dal quartiere e restituire serenità alle famiglie perbene che vi risiedono. Ieri abbiamo affrontato a testa alta e senza alcun timore quei quattro cittadini scesi in strada con i cani al guinzaglio, e il messaggio lanciato dall’amministrazione è stato chiaro: non daremo pace a chi pensa di poter spadroneggiare in qualunque quartiere della città, né in via Caduti per Servizio, né nel Ferro di Cavallo di Villa del Fuoco, né a Zanni. Torneremo ogni giorno tra quelle case, tra quelle strade, per far sentire ossessivamente la presenza dello Stato e delle Istituzioni. Ieri il nostro blitz ha evidentemente infastidito coloro che consideravano Fontanelle come il proprio territorio – ha aggiunto ancora il sindaco Albore Mascia -, segno evidente che mai prima d’ora si erano trovati dinanzi a un tale ‘esercito’ amministrativo pronto ad assumere provvedimenti concreti per ripristinare il rispetto della legge in una zona difficile della città. Il nostro sopralluogo di massa li ha colti di sorpresa, determinando una reazione incontrollata che però non ha messo in fuga nessuno, anzi, nonostante le urla e la presenza dei cani abbiamo continuato a fronteggiare quei quattro cittadini, annunciando loro controlli a tappeto e proseguendo il giro nell’intero quartiere con i residenti onesti, evidenziando problemi piccoli e grandi”. “L’amministrazione ha dimostrato di non aver alcun timore nei confronti di chi delinque – ha ribadito il Presidente della Circoscrizione Piernicola Teodoro, presenti al sopralluogo di ieri -, e la presenza del sindaco Albore Mascia, il primo probabilmente a varcare quel territorio, ha rafforzato la percezione delle Istituzioni, anzi ha anche spinto quegli utenti ad allontanarsi e, subito dopo, anche a portare via i cani custoditi all’interno di un recinto abusivo. Ieri è stato solo il primo passo, ora procederemo a ritmo serrato per dare un segnale chiaro a tutte le zone ‘calde’ della città”.

di Redazione | 17/05/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it