We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Bolzano (Bolzano) - Giardineria Comunale: lavorare secondo natura. Per il vicesindaco si tratta di uno dei servizi più importanti della città


Con l'arrivo della bella stagione la Giardineria comunale, seguendo in qualche modo "tempi e ritmi" della natura, si appresta a procedere con il "primo impianto" ovvero a collocare nelle aiuole e negli spazi verdi migliaia di piantine fiorite (viole, bellis, ecc.) Durante l'inverno i giardinieri comunali e le ditte specializzate provvedono al taglio degli alberi vecchi o irrimediabilmente malati e dunque potenzialmente pericolosi, mentre in primavera procedono con la piantumazione di nuovi alberi ed arbusti. A seconda del periodo di fioritura delle piante, vengono poi effettuati lavori di potatura in forme e modi diversi. "La Giardineria Comunale è uno dei servizi più importanti della città", afferma il vicesindaco Klaus Ladinser. "Lavora a stretto contatto con i cittadini e contribuisce allo sviluppo armonico del verde sul territorio comunale. Si occupa inoltre della manutenzione straordinaria di prati e passeggiate; sicuramente non un lavoro di poco conto" . La Giardineria Comunale cura nel territorio cittadino ben 120 ettari di aree verdi, di cui 2.500 metri quadrati di aiuole oltre alle aree verdi nei parchi, lungo le ciclabili, nei parchi gioco, nei pressi di strade, isole pedonali, cortili scolastici, giardini botanici, cimitero ed il bosco ed il vigneto di Castel Roncolo. Sono 38 gli addetti della Giardineria comunale che durante tutto l'anno si occupano dei lavori di piantumazione, annaffiatura, verifica e controllo dello stato del verde; dalle primule, ai platani. Solo nel periodo primaverile vengono collocate nelle aiuole e negli spazi verdi, decine di migliaia di piantine fiorite per ravvivare i colori della città. Sono circa 12.000 gli alberi di cui la Giardineria Comunale si occupa durante l'anno, di questi, circa 6.000 sono registrati nel relativo catasto, a breve consultabile anche on line. Gli alberi che devono necessariamente essere tagliati perchè ormai vecchi o irrimediabilmente compromessi e dunque potenzialmente pericolosi, vengono sempre sostituiti con altre piante più giovani ed in salute, tant'è che nel solo 2011, a fronte di 80 abbattimenti, ne sono state piantumate 104 di nuove. Dunque un bilancio più che positivo. La direttrice della Giardinieria comunale di Bolzano Ulrike Buratti, spiega che un nuovo albero messo a dimora, ha bisogno di circa un anno per abituarsi alla nuova situazione. Negli anni successivi (dai 3 ai 5) la pianta cresce piuttosto lentamente, ma sempre in maniera costante. "La longevità di una pianta dipende poi dalle sue caratteristiche peculiari e dal suo habitat" afferma ancora Buratti, "anche se l'ambiente cittadino non è certamente il più adatto per far si che gli alberi possano svilupparsi al meglio visto che spesso, è proprio lo spazio fisico necessario a mancare". Nonostante ciò,  Bolzano può contare su numerose vie e viali alberati (Venezia, Stazione, Principe Eugenio di Savoia, Carducci, tanto per citarne alcune), i quali vengono constantemente mantenuti e curati, per  valorizzare al meglio il patrimonio arboreo cittadino.

di Redazione | 23/02/2012

Pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it