We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Altomonte (Cosenza) - Prima giornata del Congresso Cgil comprensoriale


Il V congresso della Cgil comprensoriale Pollino – Sibaritide – Tirreno, che si tiene oggi e domani presso il "Palazzo dei Giacobini" in Altomonte sul tema: "Con la Cgil per difendere il lavoro, liberare i diritti, rilanciare il Mezzogiorno e promuovere il territorio", si è aperto sulle note dell’Inno dei Lavoratori, di Bella Ciao e dell’Inno di Mameli e con un video sull’ultimo discorso di Michele Presta, segretario regionale della Flai Cgil, scomparso nel 2005. Prima della relazione del segretario generale comprensoriale, Orlando Bonadies, il congresso ha ricordato, osservando un minuto di raccoglimento, Ludovico Ferroni, funzionario della Cgil Nazionale, deceduto, a Roma, qualche giorno fa. Il segretario generale comprensoriale uscente, davanti ai circa 200 delegati e ai molti invitati, nella sua puntuale ed esaustiva relazione – riferisce testualmente una nota stampa - ha tracciato il quadro della crisi che investe in nostro Paese che "per la sua pesantezza e complessità – ha affermato Bonadies - è destinata a segnare l’equilibrio geo – politico del mondo", non tralasciando di analizzare i tanti e gravi problemi del Mezzogiorno indicando anche le soluzioni proposte dalla Cgil. "Arriviamo a questo appuntamento – ha esordito Orlando Bonadies - dopo un lungo percorso fatto di 207 assemblee di base e 12 Congressi territoriali di categoria e abbiamo incontrato 16.739 lavoratori e pensionati. In questi due giorni – ha evidenziato Bonadies - abbiamo il compito di approfondire, analizzare, recepire le istanze della nostra rappresentanza e attrezzare perciò una proposta condivisa, utile per i prossimi quattro anni a rappresentare meglio gli interessi dei nostri lavoratori. Una proposta che guardi al Paese e al Territorio". Per Bonadies e per la Cgil "i fattori fondamentali della crisi sono tutti da ricercare nell’aumento delle disuguaglianze e nello spostamento del reddito dai salari e dal lavoro ai profitti ed alle rendite. Si impone perciò – ha detto Bonadies - una vera grande azione di cambiamento in cui sia evidente una nuova idea di società, che riconsideri il ruolo del lavoro e il suo valore". Il segretario Bonadies, nell’evidenziare che "le famiglie mono-reddito con capofamiglia lavoratore sono esposte al 30% in più al rischio di povertà", ha sostenuto che "non basta più un lavoro per vivere dignitosamente". Per la CGIL c’è la necessità che il Paese si doti di un grande progetto di cambiamento in grado di allargare diritti, reddito, occupazione. "Un progetto alternativo – ha sottolineato Bonadies - di sviluppo per allargare la democrazia, unificare il lavoro pubblico e privato, redistribuire la ricchezza in favore dei lavoratori e dei pensionati, tassare le rendite e i patrimoni, eliminare l’evasione fiscale, riconquistare regole e contratti in un quadro di certezze, aprire una vera lotta al precariato, abbattere la frammentazione dei costi, dei diritti, ridare la parola ai lavoratori sugli accordi e sui contratti". Per Bonadies il Mezzogiorno può e deve giocare un ruolo importante per uscire dalla crisi. "Il Paese ha bisogno di tutta la sua forza, il Mezzogiorno deve accettare la sfida e candidarsi ad un ruolo strategico del Mediterraneo per l’Europa e per il Paese" ha sostenuto Bonadies, il quale, subito dopo, ha messo in evidenza come "il Mezzogiorno vive un progressivo impoverimento con una perdita impressionante di occupazione, con una disoccupazione giovanile che è al 30% e soprattutto con alcuni interi territori sotto il controllo assoluto della criminalità. La Calabria è in questo quadro forse peggio, come le vicende di Rosarno hanno evidenziato". Bonadies, avviandosi alla conclusione, ha messo in risalto la centralità del comprensorio Pollino Sibaritide Tirreno che "ha permesso di posizionare quest’area fra le prime della Regione nell’utilizzazione delle risorse comunitarie. Questo – ha sostenuto il segretario comprensoriale - è un risultato che va ascritto al gruppo dirigente e a un buon rapporto unitario che abbiamo saputo su questi temi mantenere. La nostra idea strategica di territorialità – ha affermato Bonadies - trova la sua esplicitazione in questo territorio". Il segretario della Cgil comprensoriale ha evidenziato come "Ambiente, produzione di qualità, Turismo, riqualificazione dei servizi, infrastrutturazione e recupero urbano si identificano nell’avvio della APQ sul Parco del Pollino, nella realizzazione del progetto di Distretto per l’Agroalimentare, sull’Accordo Quadro con ASP di Cosenza sulla riqualificazione del sistema sanitari, nell’ APQ sull’area urbana e nel sistema turistico locale. Sono questi i risultati che politicamente questo territorio e anche noi sentiamo più vicini per averli proposti qualche anno fa ed averci creduto. Queste sono le basi su cui impegneremo le nostre risorse umane e materiali nei prossimi anni". Orlando Bonadies, nel concludere la sua relazione, soffermandosi sulla questione infrastrutturale, ha proposto, per quanto riguarda la drammatica situazione in cui versa la Statale 106, una mobilitazione popolare di carattere regionale". Dopo i saluti del segretario provinciale della Cisl di Cosenza, Antonio Russo, del consigliere regionale Franco Pacenza, è iniziato il dibattito, che proseguirà stamattina. La prima giornata congressuale è stata caratterizzata, oltre che dalla relazione del segretario uscente e dall’avvio del dibattito, da una tavola rotonda, tenutasi, alle ore 17, sempre presso il "Palazzo dei Giacobini" sul tema "Giovani, Mezzogiorno, Sviluppo, Lavoro e Conoscenza" e dalla presentazione del 1° rapporto sulla condizione giovanile in Calabria: "Giovani tra lavoro, istruzione e futuro".

di Redazione | 05/03/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia IonioNotizie per la tua pubblicità bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it