We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Longobucco (Cosenza) - Lavoratori Sial in stato di agitazione


di FRANCESCO MADEO - Si prospetta un Natale molto magro per i 23 lavoratori e lavoratrici Sial utilizzati presso il comune di Longobucco. Dal mese di settembre non ricevono il sussidio regionale, 480 euro al mese che sicuramente già non bastavano per vivere dignitosamente. “Se continua così –accusano- a Natale non  potremo neanche comprarci il panettone, siamo nella crisi più nera”. Insieme alle proprie famiglie, hanno simbolicamente occupato la sala assessori del comune e proclamato lo stato di agitazione. Gli stessi hanno inviato telegrammi al Presidente della Regione e al Prefetto sottolineando il proprio malessere e la situazione di criticità presente nelle proprie famiglie. I lavoratori sono impegnati in vari settori dei servizi comunali, nel campo della manutenzione delle strade comunali, del cimitero, della pulizia dei fiumi, del verde pubblico e della raccolta differenziata dei rifiuti. Servizi svolti in settori nevralgici che, senza l’apporto degli lavoratori, non potrebbero essere esplicati. Nel mare della precarietà che la Calabria vive, vogliono far sentire la loro voce e richiamare l’attenzione dei vari responsabili istituzionali. Sono decisi a portare avanti la loro protesta per la giusta paga e per porre con forza anche la vertenza della loro stabilizzazione.

di Francesco Madeo | 10/12/2011

Pubblicità

Affittasi appartamento Via Nazionale (banner 300x170) vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it