We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Bari (Bari) - Oggi la Giornata internazionale contro violenza sulle donne


Oggi, venerdì 25 novembre, è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Una giornata importante, dedicata alle donne che nel corso della loro vita hanno subito violenza fisica, sessuale e psicologica. La violenza sulle donne è un dramma che si compie in contesti sociali, economici e culturali diversi e riguarda non solo la violenza sessuale, ma anche i maltrattamenti economici e psicologici commessi nei confronti del sesso femminile.   Un solo giorno non può bastare per costruire una rivoluzione culturale che permetta a tutte le donne di non avere più paura. “Ma è l’occasione giusta per riflettere sul tema - sottolinea l’assessore al Welfare Ludovico Abbaticchio - un punto da cui ripartire per la lotta ad un fenomeno che purtroppo è ancora tristemente di attualità”. La Giornata contro la violenza sulle donne riporta, infatti, all’attenzione dell’opinione pubblica il problema dell’affermazione e del rispetto della dignità femminile, in particolare nel nostro Paese.   Questi – riferisce testualmente una nota dell’ufficio stampa del Comune di Bari - i dati Istat sulla situazione in Puglia: il 24,9% delle donne pugliesi intervistate dichiara di aver subito violenza fisica e sessuale nel corso della propria vita ed il 5,3% dichiara di averla subita prima dei 16 anni. Solo il 10,8% denuncia la violenza del partner a fronte di un 89,2% che preferisce tacere; nel caso di un non partner, solo il 5,4% delle donne denuncia le violenze subite con il restante 94,6 % che non denuncia.   “Se è vero, dunque, che un solo giorno non può bastare per fermare la violenza e debellare vecchi e nuovi stereotipi, è però necessario far sapere alle donne vittime di violenza che non saranno lasciate sole dalle Istituzioni, perché tutte hanno il diritto di essere aiutate”, dichiara Abbaticchio, ricordando l’impegno quotidiano dell’assessorato al Welfare del Comune di Bari per supportare donne e minori, italiani e stranieri, vittime di abusi e violenze.   Nei giorni scorsi l’amministrazione comunale ha rinnovato la convenzione per la gestione del Centro Antiviolenza “La luna nel pozzo”, gestito dalla cooperativa sociale Crisi (Centro Ricerche Interventi sullo Stress Interpersonale): prevenire e contrastare la violenza nei confronti delle donne e dei minori, garantire sostegno e aiuto alle vittime, informare i cittadini su un fenomeno spesso sommerso, sono gli obiettivi del centro che ha sede in via Amendola 120.   I servizi offerti vanno dall’assistenza psico-sociale alla consulenza legale, dai gruppi di auto-aiuto alla ricerca attiva del lavoro, a percorsi di mediazione familiare quando è necessario garantire la tenuta delle relazioni familiari superando la “qualità violenta” dei rapporti. Il Centro, aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle ore 15.30 alle 18.30, ha attivato il numero verde 800 148633 anche durante le ore di chiusura.  

di Redazione | 25/11/2011

Pubblicità

Affittasi appartamento Via Nazionale (banner 300x170) vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it