We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Bari (Bari) - Tenuto tavolo tecnico su servizi all’infanzia e adolescenza con assessore Abbaticchio e operatori del settore


Si è tenuto ieri, presso il nuovo centro sociale della Fondazione Giovanni Paolo II al quartiere San Paolo, il tavolo tecnico sui servizi per l’infanzia e l’adolescenza (legge n. 285/97), presieduto dall’assessore al Welfare Ludovico Abbaticchio (nella foto) e rivolto al mondo delle cooperative sociali e degli operatori socio-educativi pubblici e privati, impegnati sul territorio attraverso servizi per la prevenzione del disagio dei bambini, degli adolescenti e delle famiglie che in questo momento particolare necessitano di un enorme supporto. Il dibattito ha posto degli interrogativi importanti sulle sfide attuali finalizzate a un lavoro sociale ed educativo adeguato ai processi di trasformazione sociale, con focus group sui punti di forza e criticità degli interventi di sostegno alla genitorialità e sulle modalità più efficaci per le future progettazioni, alla luce delle trasformazioni sociali in atto nel nostro sistema socio-economico. Proprio in quest’ottica, sul territorio cittadino sono stati attivati otto servizi congiunti di Centri di ascolto per le famiglie e Centri aperti polivalenti per minori con servizi educativi, psicologici e di supporto legale, completamente  gratuiti, un Centro aperto polivalente per adolescenti nel quartiere Libertà, quattro Servizi per minori all’interno dei parchi aperti da maggio ad ottobre, e varie attività educative e ludiche negli ospedali pediatrici per centinaia di minori. “Tali percorsi di confronto - ha dichiarato l’assessore Abbaticchio - rappresentano un’innovazione per un lavoro integrato degli operatori al fine di analizzare i bisogni e alimentare lo scambio di esperienze, arricchendo le competenze e i servizi alle persone, soprattutto in un momento in cui il dramma delle nuove povertà colpisce sempre più cittadini di ogni fascia sociale, compreso il ceto  medio, con gravi rischi per i bambini e gli adolescenti”. Dal confronto odierno è emersa la necessità di istaurare un rapporto più strutturato tra pubblico e privato sui temi del welfare attraverso leggi regionali e nazionali che definiscano nuove regole e criteri innovativi. “È necessario soprattutto che la normativa apra le porte a nuovi sistemi di finanziamento per i servizi alle persone - continua Abbaticchio -. Si potrebbe pensare alle fondazioni bancarie, come la Fondazione per il Sud, per garantire processi di implementazione dei servizi sociali a tutela dei più deboli, sottolineando comunque che uno Stato moderno e avanzato ha il dovere, a maggior ragione in momenti di crisi, di dedicare più attenzione verso le fasce più fragili della popolazione”.

di Redazione | 25/11/2011

Pubblicità

Affittasi appartamento Via Nazionale (banner 300x170) vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it