We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cariati (Cosenza) - Visita pastorale dell’Arcivescovo all’ospedale cittadino


Nel quadro della visita pastorale l’Arcivescovo, Mons. Santo Marcianò, ha visitato martedì scorso l’ospedale di Cariati, intrattenendosi cordialmente con gli operatori sanitari e con i malati. All’arrivo è stato accolto con i saluti del cappellano, don Angelo Bennardis, del direttore sanitario, dr. Michele Caligiuri, del dr. Nicola Cosentino, responsabile del reparto di cardiologia e del rappresentante dell’associazione AVO Danilo Ferigo.  Nei vari interventi  - riferisce testualmente una nota dell’Arcidiocesi di Rossano – Cariati - è stata delineata la storia del nosocomio cariatese ed evidenziata l’importanza che esso ha avuto nel territorio sia sotto il profilo sanitario che socio-economico. Sono state poi illustrate le difficoltà ed i disagi cui oggi vanno incontro i malati e le loro famiglie dopo i tagli e le chiusure dei reparti (chirurgia, ostetricia, pediatria), soprattutto perché non sono stati predisposti servizi alternativi.  Rispondendo ai saluti, Mons. Marcianò ha espresso vicinanza e solidarietà a quanti, sanitari o pazienti, affrontano la difficile situazione organizzativa che attualmente caratterizza la sanità. “La Diocesi di Rossano-Cariati – ha detto l’Arcivescovo – è fortemente impegnata nella difesa del diritto alla salute come parte del più generale diritto alla vita. Diritti fondamentali che occorre promuovere e garantire a tutti, senza distinzioni o condizioni.  La sanità – ha  poi sottolineato – non deve essere governata con le sole regole e leggi dell’economia, perché salute e vita non hanno prezzo. Tanti sprechi vanno eliminati ma non è togliendo servizi essenziali alle persone che si risolvono i problemi. Questo territorio ha diritto ad avere il suo ospedale, funzionale e adatto a dare risposte ai bisogni della popolazione; esso, in una visione moderna, deve sicuramente collegarsi e integrarsi con tutti gli altri presidi  della zona e anche – quando sarà realizzato – con l’ospedale della sibaritide. Infatti, non ci può e non ci deve essere – ha proseguito Mons. Marcianò – contrapposizione tra strutture, ma  ognuna, con le proprie specifiche funzioni, deve contribuire a realizzare una sanità migliore a tutela della salute e della vita. Siamo dalla parte dei cittadini che chiedono impegni concreti per migliorare il livello qualitativo dei servizi e non per operare tagli indiscriminati che aggiungono disagi senza risolvere i problemi”. Dopo aver visitato tutti i reparti ospedalieri, Mons. Marcianò si è poi diretto verso il Distretto sanitario dove, in un’autentica cornice di festa, è stato accolto dal Direttore Dott. Perri Pietro L. e dai dott.ri Pasquale Grillo, Raffaele Franzè e Jovanna Izzo. Anche qui l’Arcivescovo ha voluto visitare tutti i locali ed ha avuto con ognuno dei dipendenti un breve scambio di battute. Ha molto apprezzato l’accoglienza ed è stato attento alla descrizione delle attività distrettuali, in particolar modo del Poliambulatorio Specialistico che vanta dodici specialità e 18 medici specialisti. “Tutto ciò che non è ospedaliero viene organizzato e espletato nel distretto”, gli è stato spiegato destando viso interesse, tanto che nel discorso tenuto Mons. Marcianò ha auspicato la persistenza della realtà distrettuale e il suo potenziamento sul territorio. Infine, nella sala convegni, il direttore distrettuale, a nome di tutti i dipendenti, ha consegnato al Vescovo una targa ricordo della visita.

di Redazione | 08/05/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it