We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Drapia (Vibo Valentia) - Face god, Mons. Mariano Crociata chiude la tre giorni di pastorale giovanile. A Mons. Morosini tocca la sintesi del convegno


«Oggi il Signore fa appello alla nostra responsabilità». Il segretario generale della Conferenza Episcopale Italia, Mons. Mariano Crociata, parla ai 300 delegati della Calabria in rappresentanza delle 12 diocesi del territorio regionale, nel corso della omelia della celebrazione eucaristica che chiude il convegno delle Chiese calabresi della pastorale giovanile. Una responsabilità educativa e di fede che «interpella la nostra vita». E «se fuggiamo alla risposta verso di Lui (cristo) la nostra vita fallisce perché abbiamo scartato la pietra angolare». E’ un “popolo” di delegati appassionati ed attenti, coinvolti e propostivi, quello che ha vissuto la tre giorni di Drapia, vicino Tropea, nel vibonese, quello che ascolta attento le parole del segretario generale della Cei, che prendendo spunto dal vangelo della vigna ricorda a tutti i presenti che «abbiamo ricevuto un dono straordinario, l’esistenza, e nell’esistenza il dono della fede». «Il senso della vigna ci mette nel contesto della meraviglia, della chiesa in cui viviamo». E Crociata lancia alla platea gli interrogativi: «cosa ne abbiamo fatto di questo dono? Che vigna siamo? Abbiamo fatto vite buona o acerba?». E ricordando l’impegno educativo sottolinea come «si può essere impegnati ma respingere il Signore e i suoi inviati, tentare di appropriarsi della vigna per farne ciò che ci piace, non secondo il disegno e le attese del Signore». Ecco perché Crociata invita i delegati a costruire le comunità parrocchiali ed i gruppi giovanili «su Cristo – pietra scelta dal Signore» e non «su altro, sul pietrisco o terreni poco fondati». A mons. Morosini, invece, il compito di tirare una prima «sintesi a caldo» della tre giorni della Pastorale giovanile calabrese. «E’ tempo di svegliarsi – ha detto il vescovo di Locri – Gerace, delegato dalla Cec per la pastorale giovanile in Calabria – la vita non ci attende e la frattura della chiesa con il mondo giovanile si è già consumata e noi dobbiamo andare a recuperare». E guardando alle proposte operative uscite dai laboratori sui vari ambiti di confronto sottolinea che «se noi crediamo in quello che abbiamo scritto potremo farcela». E poi fissa le priorità. Innanzitutto quella di «inserire il rinnovamento della pastorale giovanile in un contesto missionario» e poi «la formazione degli educatori».

di Redazione | 03/10/2011

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it