We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Castiglione Cosentino (Cosenza) - Concluso positivamente il festival “Il dire & i detti”


Ha chiuso i battenti l’edizione 2011 de “Il dire & i detti”, il festival di Castiglione Cosentino  giunto quest’anno alla 14° edizione.  Filo conduttore degli incontri e dei dibattiti dell’edizione 2011,  il detto: “Aru menzjùarnu ‘u sule è forte e ra fame puru” (a mezzogiorno il sole è forte e la fame pure) ovvero  il divario Nord-Sud e la necessità di mettere in atto una politica economica in grado di assicurare un nuovo protagonismo del Mezzogiorno. Un’altra location suggestiva e d’atmosfera, il complesso del chiesa parrocchiale di Castiglione , ha fatto da cornice alla conversazione che il giornalista Romano Pitaro   ha condotto con Antonio Staglianò, vescovo di Noto e autore del libro “Una speranza per l’Italia – Dal Sud una proposta per educare alla vita buona del vangelo”. Ed è stato proprio il libro a guidare le riflessioni sulla condizione del Sud e le possibili vie di ripresa. “Il Sud – ha detto Salvatore Magarò (nella foto) ideatore dell’iniziativa – deve ritrovare la fiducia nelle proprie capacità e impiegare le sue grandi potenzialità. Non è più il tempo di “crogiolarsi” stancamente dietro il lungo, lunghissimo elenco di cose che non funzionano. E’ invece il tempo di rinserrare le fila e riprendere un cammino insieme”. “Ci sono tanti percorsi viziosi che vanno corretti,   ma altrettanti percorsi  virtuosi vanno ripresi”, di questo il consigliere regionale ne è convinto e pensa alla Calabria delle parrocchie “prossime al dolore degli altri e quotidianamente impegnate a dare risposte ai bisogni di aiuto”. Ma ci sono anche, dice Magarò, “esempi di politica al servizio dei cittadini e la stragrande maggioranza di calabresi  onesti, di buoni principi non corrotti dall’illegalità, che pure da noi è diffusa, e non sedotti dal malaffare”. “Ecco, questa Calabria – ha proseguito il presidente della Commissione regionale contro la ‘ndrangheta – deve ritrovarsi e costruire la rete su cui può germogliare il tessuto sociale della nostra rinascita”. “Ma per far ciò – prosegue – è necessario fissare gli obiettivi ed innalzarli a traguardi collettivi”. Identità positiva, ricambio generazionale, legalità, meritocrazia, qualità, perché, spiega Magarò, in relazione a quest’ultimo aspetto, “in Calabria non abbiamo bisogno tanto di quantità, ma di processi compiuti, in grado di segnare un punto di svolta. La qualità – ha detto – sarà sempre più la cifra che caratterizzerà, d’ora in poi, la crescita capace di attestarsi anche come sviluppo”.  

di Redazione | 25/09/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it