Prima Pagina

ROSSANO (CS) 17-03-10

Presentato il libro di Caravetta alla "Roscianum:
Un’opera che rende giustizia ai trovatelli

Nella sala rossa di Palazzo S. Bernardino, nel cuore della Rossano antica, l’Associazione Culturale "Roscianum", con il Patrocinio del Comune di Rossano, ha dato vita alla presentazione del libro di Francesco Caravetta, esperto di antropologia culturale, dal titolo "I peccati che vagiscono - Bambini abbandonati, ruotari e balie nella Calabria dell’Ottocento", edizioni "le nuvole". Si tratta di una fra le tante iniziative culturalmente importanti realizzate dalla "Roscianum" nel corso della sua trentennale attività al servizio della cultura, che – riferisce testualmente una nota stampa - ha letteralmente affascinato i presenti, fra cui il presidente della Pro Loco, docenti universitari e appassionati di storia. L’opera di Caravetta, come ha specificato il sindaco Francesco Filareto, nel parlare dell’accoglienza degli "invisibili", di bambini abbandonati e destinati a morire, ha portato alla "emersione di un sommerso atroce". Pier Emilio Acri, giornalista, vice presidente "Roscianum, che ha coordinato la manifestazione, ha dato risalto al valore della ricerca archivistica seria e qualificata, come quella effettuata da Caravetta, nei vari archivi calabresi. Francesco Pace, già docente lettere al Liceo Classico "S. Nilo" ha fornito un’attenta e acuta riflessione sul fenomeno e sulla discriminazione che due secoli fa veniva fatta nei confronti dei trovatelli utilizzando fonti letterarie sul problema degli esposti, sui luoghi, sulle cause e sulle modalità dell’abbandono. Particolarmente seguiti e applauditi i video-percorsi  su:"Bambini e giovani a Rossano, fra suore di clausura e cacciatori di rinoceronti" curati dai giovani soci  della "Roscianum" Katia Longo, Rosaria Vulcano, Pasquale Tramonti, Mario Gedeone, Francesco Laurenzano, Maria Cristina Saccone e Gianpaolo Russo, studenti del Liceo Classico "S.Nilo" coordinati da Anna Saccone. Perfetta la regia di Mario Massoni, presidente dell’Associazione "Roscianum", sempre puntuale e punto di riferimento per tutti. L’autore del libro, Francesco Caravetta, ha concluso la manifestazione dissertando viepiù sul fenomeno dell’abbandono dei minori, notevolissimo nell’800, sulle balie, sulle condizioni igieniche precarie dell’epoca e sulla consuetudine, a volte bizzarra degli ufficiali dello stato civile nell’attribuzione dei cognomi. Talvolta venivano dati ai trovatelli in virtù delle condizioni economiche od anche di momenti storici particolari. Molto apprezzata la copertina del libro curato dall’artista Nicastro.