Prima Pagina

CASTROVILLARI (CS) 18-03-10

Ampliamento del plesso ospedaliero "Ferrari"
 

Il Partito Democratico di Castrovillari ha accolto con enorme soddisfazione il concretizzarsi di un’opera tanto attesa ed auspicata nella nostra Città, quale l’ampliamento del plesso dell’ospedale "Ferrari" che ha visto un enorme concorso di Popolo per l’inaugurazione di una struttura fondamentale per la Sanità locale e dell’intera Calabria del Nord. La soddisfazione per la realizzazione, dopo circa dieci anni di lavori, - riferisce testualmente una nota del Pd, circolo di Castrovillari - era ben visibile negli occhi e nelle parole del Presidente della Giunta Regionale, on Agazio LOIERO, che insieme al Sindaco di Castrovillari ed al Direttore Generale, dott. Franco PETRAMALA, ha reciso il nastro tricolore che ha introdotto i visitatori negli ampi ed accoglienti spazi della nuova struttura che si è presentata in tutta la sua efficienza. E’ un sogno che si realizza dopo molti anni d’attesa: auspicato dai vecchi Comitati di Gestione che, lasciando un cospicuo avanzo di amministrazione di circa dieci miliardi delle vecchie lire, hanno consentito che si potesse progettare l’opera e dare inizio ai lavori; continuato dai Presidenti dell’ ASL n° 2 che si sono succeduti nel tempo; concretizzato dal Governo di Centrosinistra della Regione Calabria guidato dal Presidente Agazio LOIERO, attraverso un decisivo e determinante impulso organizzativo e progettuale. Tale impegno, assunto all’atto del suo insediamento, è stato mantenuto, pur fra mille difficoltà, così come affermato dal Presidente LOIERO nel suo intervento pubblico nel corso della cerimonia, dopo aver consegnato alla Città, alle Istituzioni locali e zonali un complesso ospedaliero di tutto rispetto, considerato come uno dei punti di eccellenza della sanità calabrese. Inoltre, ed è questo l’aspetto più rilevante e peculiare, la realizzazione di questa importante opera è stata possibile soprattutto perché la Giunta regionale, ha individuato l’ospedale di Castrovillari come uno degli undici complessi d’eccellenza sanitaria della nostra Regione! In questo contesto si sono rivelati fondamentali e determinanti l’incoraggiamento, gli impulsi, le sollecitazioni, la collaborazione, che, in questi anni, hanno svolto le Forze politiche del Centrosinistra, prima Margherita, DS, PDM, oggi PD, ed anche lo SDI: in modo particolare vorrei sottolineare le pressanti e continue richieste avanzate al Presidente LOIERO, propedeutiche alla realizzazione ed al completamento del nuovo plesso, per l’installazione nel nostro ospedale, prima della TAC a 64 strati; poi della risonanza magnetica ( si ricordi il famoso "furgone"!!) ; dopo della rianimazione. Strumenti diagnostici e medici, realizzati in un batter d’occhio, che hanno ulteriormente elevato la qualità del sistema sanitario locale, aumentandone l’efficienza, con eliminazione degli sprechi, la diminuzione delle liste d’attesa e dell’emigrazione sanitaria. Inoltre sono da rimarcare le sollecitazioni del Centrosinistra, poi inserite nei vari piani sanitari, circa il ritorno a Castrovillari del reparto di Gastroenterologia e di Broncologia; dell’ampliamento del Pronto soccorso, con la suddivisione fra attività mediche e chirurgiche e la creazione di posti letto di osservazione per 24 o 48 ore. Tutte queste realizzazioni si possono, ora, " ammirare" nel nuovo plesso inaugurato nella scorsa settimana e che, oltre ad essere patrimonio e vanto per Castrovillari ed il territorio, potranno essere considerate come interventi qualificanti della Giunta regionale di Centrosinistra e del Presidente Agazio LOIERO, in particolare! Se pensiamo che, all’epoca dell’accorpamento delle Aziende Sanitarie regionali qualcuno "dichiarò" la chiusura certa ed imminente dell’Ospedale di Castrovillari, ottenendo anche cospicui risultati elettorali dopo aver strumentalizzato l’evento, possiamo, oggi, affermare, alla luce dello splendida realizzazione ottenuta, che le previsioni del Centrosinistra, impegnato allora in una difficile campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio comunale, si sono rivelate giuste, esatte e corrette poiché si sosteneva che l’accorpamento delle ASL, al di là dell’effetto dirompente iniziale, avrebbe consentito di recuperare risorse da destinare al miglioramento del Servizio sanitario cittadino e locale. Sarebbe ingiusto incolpare l’allora Candidato a Sindaco del Centrosinistra, Donatella LAUDADIO, e tutti i Partiti che sostenevano la Coalizione, di non aver recepito la portata della riforma attuata dal Consiglio Regionale che, razionalizzando i Territori sanitari e la spesa relativa per il loro mantenimento, creava i presupposti per la realizzazione di questi interventi che qualificano ulteriormente la Sanità calabrese!