Prima Pagina

REGGIO EMILIA 20-03-10

"Family, i filmini di famiglia"oggi l’inaugurazione

I film privati girati dai reggiani dagli anni ’20 agli anni ’80 del secolo scorso, le immagini che, attraverso l'auto-rappresentazione, mostrano la vita delle famiglie reggiane, gli eventi pubblici, le ritualità private, schegge di ricordi da salvare, istantanee che arrivano dal passato con la forza di una rivelazione, frammenti di vita che cercano un filo narrativo: tutto questo prende sostanza con Family. I filmini di famiglia. E’ un inedito progetto espositivo, a cura di Paolo Simoni con Ilaria Ferretti e Claudio Giapponesi, che - riferisce testualmente una nota dell’Ufficio stampa del Comune di Reggio Emilia - si inaugura a Reggio Emilia oggi, sabato 20 marzo, alle ore 18, allo Spazio Gerra (piazza XXV aprile 2), promosso dal Comune di Reggio Emilia - assessorato Cultura e Università - Musei civici e da Relabtv-Laboratorio di produzione audiovisiva del Dipartimento di Scienze sociali, cognitive e quantitative dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, con il sostegno e la collaborazione di Home Movies - Archivio nazionale film di famiglia di Bologna, centro interculturale Mondinsieme, Fototeca della biblioteca Panizzi, Mediateca della biblioteca Universitaria di Reggio Emilia e assessorato Cura della Comunità del Comune di Reggio Emilia. L’evento è realizzato nell'ambito del più ampio progetto dell’Osservatorio Reggio Emilia che nel 2008 avviò con un bando pubblico "Cinema di Famiglia" la raccolta di materiali privati in pellicola 16mm, 8mm, Super8 e 9,5mm. L’invito registrò un’ampia risposta dei reggiani con la raccolta di ben 1281 bobine provenienti da 85 nuclei familiari o singoli cittadini, per un totale di circa 190 ore di filmati. Testimonianze preziose sulla vita degli abitanti della città e sull’evoluzione del territorio reggiano nel Novecento, entrate a far parte di un archivio digitale, che ora finalmente sono restituite alla città. La vita di tutti giorni, l’ambiente domestico, i ricordi individuali, le relazioni familiari, i meccanismi di auto-rappresentazione delle ritualità private, sullo sfondo delle quali leggere le convenzioni pubbliche di una comunità: tutto questo è Family, una sorta di albero genealogico di una comunità, un archivio di co-autori della città. Reggio Emilia potrà rivedersi, ripensare al proprio passato e riflettere sul suo presente. Ampiamente superato lo stato di amnesia creativa che escludeva la memoria, oggi l’interesse verso i documenti della propria storia privata costituiscono una parte strategica nella costruzione della propria identità, oltre che preziosi strumenti di auto-conoscenza. Con Family gli abitanti di Reggio assieme a quelli della provincia potranno continuare ad arricchire questo importante archivio digitale che prosegue il lavoro di catalogazione e di ricerca. Ogni sabato, allo Spazio Gerra durante il periodo della mostra che chiude il 25 aprile, dalle ore 10 alle 13, i cittadini di Reggio Emilia e provincia potranno consegnare le proprie pellicole Super8, 8mm, 9,5mm Pathè Baby che saranno gratuitamente trasferite su DVD.