Prima Pagina

REGGIO EMILIA 21-03-10

"Primavera senza razzismo" oggi gli studenti delle superiori illustreranno i progetti contro le discriminazioni realizzati nel corso dell’anno

L’incontro sarà aperto dal sindaco Graziano Delrio e vi parteciperà l’On. Jean Leonard Touadi, membro della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati - Sarà tra l’altro proiettato un video, realizzato dai ragazzi del liceo Moro, vincitore di un concorso promosso dall’ambasciata francese in Italia. In occasione della Giornata internazionale contro le discriminazioni - proclamata nel 1966 dall’Onu per il 21 marzo di ogni anno – oggi, sabato 20 marzo, dalle ore 8.30, oltre 500 giovani di 10 scuole medie superiori di Reggio Emilia - riferisce una nota dell’Ufficio stampa del Comune di Reggio Emilia - si daranno appuntamento nel Centro internazionale ‘Loris Malaguzzi’ di via Bligny per concludere con un incontro dal titolo ‘Primavera senza razzismo’ un lavoro che da ottobre 2009 ha impegnato ragazze e ragazzi nella realizzazione di materiali multimediali nei quali vengono approfondite le più diverse tematiche: dallo sfruttamento nel campo del lavoro e della casa, ai luoghi della diversità nella Reggio multiculturale, sino alla creazione di una ‘mappa gastronomica’, accompagnata da un ricettario, che individua i negozi etnici presenti in città. "A Reggio, nessuno resta in panchina" è lo slogan dell’incontro, coniato dagli studenti dell’istituto d’arte Chierici che hanno realizzato anche manifesti e locandine. Nel Centro Malaguzzi saranno presenti studenti e insegnanti dello Iodi di Novellara e, dal capoluogo, i colleghi degli istituti e licei Lombardini, Chierici, Matilde di Canossa, Scaruffi-Levi Tricolore, Filippo Re, Iodi, Motti, Nobili, Moro, Spallanzani. Ad aprire i lavori sarà il sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio, alle cui parole seguiranno le testimonianze degli studenti e, a metà mattina, un intervento a dell’On. Jean Leonard Touadi, membro della Commissione Giustizia e dell'Osservatorio della Camera dei Deputati sui fenomeni di xenofobia e razzismo. "Il grande rispetto degli uni per gli altri è da sempre molto radicato nella nostra realtà –dice l’assessore alla Coesione e Sicurezza sociale Franco Corradini, che a fine mattinata concluderà l’incontro – ed è uno degli elementi che hanno contribuito a costruire le basi del benessere economico e sociale della città. Siamo convinti che questo valore sia irrinunciabile, e partendo da esso abbiamo realizzato un progetto educativo che guarda al futuro con fiducia." Nel corso dell’incontro, ogni classe porterà la testimonianza e il prodotto dell’impegno che nel corso dell’anno scolastico è stato dedicato alla lotta contro ogni forma di pregiudizio e per una società dell’inclusione e del rispetto. Una lotta più che mai necessaria, se si pensa che da un’indagine del 2009 realizzata da Swg sui giovani tra 18 e 29 anni emergeva che quasi la metà di essi è razzista o diffidente nei confronti degli stranieri. Il progetto, promosso dall’Assessorato Coesione e Sicurezza Sociale del Comune di Reggio Emilia, è ideato dal Centro interculturale Mondinsieme in collaborazione con le scuole per sensibilizzare gli studenti sui temi della diversità culturale e contro le discriminazioni. A scuola e nelle classi, da ottobre 2009 gli educatori di Mondinsieme hanno lavorato con gli studenti sui temi delle discriminazioni in chiave interculturale, con approfondimenti, analisi e confronti, per riconsegnare alla scuola il ruolo fondamentale di formazione dei più giovani alla cittadinanza.  Tra i progetti realizzati, si segnala un video prodotto dal liceo Moro che ha vinto un concorso promosso dall’ambasciata francese in Italia.